Il diritto alla città. 2: Spazio e politica

Henri Lefebvre

Il diritto alla città. 2: Spazio e politica
novirus
PREZZO: LIBRO GRATUITO
DATA 01/02/2018
AUTORE Henri Lefebvre
ISBN 9788869480898
DIMENSIONE DEL FILE 4,20 MB
FORMATO PDF EPUB FB2 TXT
LINGUA ITALIANO

Descrizione libro

In "Spazio e politica", costruito come secondo volume di "Il diritto alla città", Lefebvre analizza criticamente un modo di operare corrente e disastroso, che usa far corrispondere punto per punto i bisogni, le funzioni, i luoghi, gli oggetti sociali in uno spazio ritenuto neutro, indifferente e oggettivo. In questo tipo di prassi va riconosciuto il principio della frammentazione dello spazio sociale, che è divisione del lavoro quanto divisione sociale, in una parola: alienazione. A questo modo di operare, si contrappone l'idea di "diritto alla città" riferito a una globalità e liberato dall'ideologia dominante, coercitiva e repressiva. "Diritto alla città" significa dunque diritto dell'uomo all'aggregazione, alla presenza totale in ogni punto, in ogni circuito di comunicazione, di informazione e di scambio. Ma questo non dipende tanto da una particolare ideologia urbanistica, né da un particolare approccio alla progettazione, quanto piuttosto dalla consapevolezza di una specifica qualità o proprietà dello spazio urbano: la centralità. Non esiste nessuna realtà urbana senza un centro, "senza un luogo di concentrazione di tutto ciò che può nascere e prodursi nello spazio, senza un luogo di incontro attuale o possibile di tutti gli 'oggetti', di tutti i 'soggetti'". L'esclusione dalla dimensione urbana dei gruppi, delle classi, degli individui, significa di fatto esclusione dal processo di civilizzazione e addirittura dalla società. Il diritto alla città è la lotta contro questa esclusione dalla realtà urbana, dalla centralità, oltre che il segno di una crisi che investe ogni organizzazione coercitiva e discriminante: i centri decisionali, di informazione, potere, opulenza, che insieme ricacciano l'uomo nelle periferie della politica, dell'informazione e della ricchezza. Centralità come unità di spazio e di tempo, contro ogni frammentazione, che è alienazione, divisione del lavoro e dello spazio. Un diritto alla città che richiede non una generica conoscenza dello spazio, ma la conoscenza della sua produzione. Prefazione di Francesco Biagi.

SPECIFICHE

Puoi leggere o scaricare un libro Il diritto alla città. 2: Spazio e politica i PDF, ePUB, MOBI formato su questo sito. Buon libro gratuito Il diritto alla città. 2: Spazio e politica.

...la città degli uomini e la città di Dio ... politica in "Dizionario di filosofia" ... . La città degli uomini è marchiata dal peccato, la sua subordinazione alla città divina è il solo modo per evitare che essa sia ciò che, diversamente, intrinsecamente, è: una associazione ... Il presente ragionamento trae origine dalla rilettura del libro di Henri Lefebvre, Spazio e politica.Il diritto alla città II, riedito da Ombre corte lo scorso anno.Provo qui a indagare, per brevi cenni, l ... Il diritto alla città. Vol. 2: Spazio e politica. - Henri ... ... .Provo qui a indagare, per brevi cenni, le sovrapposizioni tra … Benché la città abbia cercato di difendere come ha potuto la sua originaria natura di organismo politico (e questa resistenza ha prodotto ancora in tempi relativamente recenti episodi di straordinaria intensità politica), è certo però che, nella nuova spazializzazione metropolitana, è all'opera una tendenza de-politicizzante, il cui esito estremo è la creazione di una zona di assoluta ... Riappropriazione della città e autorganizzazione Massimo Ilardi (sociologo, Roma Sapienza Ingegneria) Pratiche di libertà e conflitti sociali Federico Tomasello (storico del pensiero politico, DSPS Università di Firenze) Violenza e spazio urbano: storia, politica e attualità di un legame complesso La pandemia ci sta privando dello spazio pubblico, luogo precipuo della politica, della socialità, dell'uguaglianza. Stiamo vivendo forse l'ultimo capitolo di un processo che ha impoverito i nostri ambienti di vita: se il neoliberismo aveva avviato l'opera privatizzando città e piazze, il virus la completa. È dunque il momento di riflettere sulle qualità di luoghi e spazi comuni, e ... Lo spazio pubblico è un luogo fisico (o virtuale) caratterizzato da un uso sociale collettivo ove chiunque ha il diritto di circolare o dialogare. È lo spazio della comunità o della collettività che in quanto tale si distingue dallo spazio privato riservato alla vita personale, intima, familiare.. Rappresenta nelle società umane, in particolare urbane, tutti gli spazi di passaggio e d ... Rispetto ad entrambi questi filoni di ricerca, la riscoperta del pensiero di Henri Lefebvre e del suo "diritto alla città" costituisce l'orizzonte politico di riferimento di molti discorsi, sebbene certamente non l'unica prospettiva teorico-politica che abbia senso per il giurista coltivare nell'approcciarsi al tema dello spazio urbano. Welcome! Log into your account. your username. your password La città si presenta oggi come nuovo soggetto politico e, contemporaneamente, nuovo spazio della politica. Richiede dunque una prospettiva pluridimensionale, che questo volume fa propria mutuando concetti, chiavi di lettura e strumenti di indagine da diversi campi disciplinari: storia e sociologia, scienze politiche e giurisprudenza, scienza dell'amministrazione e urbanistica. IL DIRITTO ALLA CITTA' STORICA Roma il 12 novembre 2018, ore 10.30 Palazzo Patrizi Clementi, Sala Conferenze, Via Cavalletti 2. ore 10:30 Presiede Marisa Dalai Emiliani Introduce Vezio De Lucia Saluti di Margherita Eichberg...