Quel che resta. L'Italia dei paesi, tra abbandoni e ritorni

Vito Teti

Quel che resta. L'Italia dei paesi, tra abbandoni e ritorni
novirus
PREZZO: LIBRO GRATUITO
DATA 01/06/2017
AUTORE Vito Teti
ISBN 9788868436230
DIMENSIONE DEL FILE 5,11 MB
FORMATO PDF EPUB FB2 TXT
LINGUA ITALIANO

Descrizione libro

«Mentre scrivo queste righe, il campanile di Amatrice cade sotto la forza del terzo terremoto che ha colpito, in meno di sei mesi, i paesi dell'Italia centrale. L'immagine del campanile viene riproposta ossessivamente. E una sequenza che angoscia e che però chiede di essere guardata e riguardata. Le immagini delle rovine, le visioni dei vuoti, delle assenze, dei luoghi a cui è stata sottratta la vita sono immagini perturbanti di cui abbiamo bisogno». Scrive così Vito Teti, nell'incipit di questo libro. Nell'immagine del campanile di Amatrice, Teti scorge un mondo ben più vasto, che va anch'esso inesorabilmente franando. Mentre i grandi agglomerati urbani si preparano a ospitare la gran parte della popolazione mondiale, interi territori si spopolano. E lo spopolamento è la cifra delle aree interne di numerose regioni d'Italia e d'Europa. Di fronte a questo scenario, l'antropologo coglie l'abbandono come la forma culturale dello spopolamento e si chiede: cosa fare dei segni del passato, delle schegge di un universo esploso? Nella prospettiva di Teti, il passato può e deve essere riscattato come un mondo sommerso di potenzialità suscettibili di future realizzazioni. In agguato, certo, c'è il rischio che la retorica e la nostalgia restaurativa seppelliscano quel poco che, del paese, resta. Viceversa, la nostalgia positiva, costruttiva può essere sostegno a innovazione, inclusione e mutamento. L'antropologia dell'abbandono e del ritorno, di cui Teti definisce in queste pagine i tratti essenziali, è un tentativo d'interpretazione dei luoghi a partire da quel che resta, e che occorre ascoltare, prendendosene cura. Come scrive Claudio Magris nella prefazione: «In questo libro di scienza e di poesia c'è una profonda partecipazione al destino nomade e ramingo non solo degli emigranti partiti con le loro povere cose, ma di ognuno, delle stesse civiltà, del loro nascere e passare, ma forse mai definitivamente».

SPECIFICHE

Puoi leggere o scaricare un libro Quel che resta. L'Italia dei paesi, tra abbandoni e ritorni i PDF, ePUB, MOBI formato su questo sito. Buon libro gratuito Quel che resta. L'Italia dei paesi, tra abbandoni e ritorni.

...italiani di cultura orale tra i soldati reduci da quel conflitto e tra le persone che ne ... Quel che resta L'Italia dei paesi, tra abbandoni e ritorni ... ... ... "Quel che resta L'Italia dei paesi, tra abbandoni e ritorni" - Aut. Vito Teti, Donzelli Editore «Mentre scrivo queste righe, il campanile di Amatrice cade sotto la forza del terzo terremoto che ha... Compra Libro Quel che resta. L'Italia dei paesi, tra abbandoni e ritorni di Vito Teti edito da Donzelli nella collana Saggi storia e scienze sociali su Librerie Università Cattolica del Sacro Cuore Quel che resta: L'Italia dei paesi, tra abbandoni e ritorni. E-book. Formato EPUB è un ebook di Vito Teti pubblicato da Donzelli Editore , con argo ... Quel che resta. L'Italia dei paesi, tra abbandoni e ... ... . E-book. Formato EPUB è un ebook di Vito Teti pubblicato da Donzelli Editore , con argomento Antropologia culturale - ISBN: 9788868437008 L'Italia dei paesi, tra abbandoni e ritorni (Donzelli, pagg. 308, euro 30); e «quel che resta» è appunto il compito da affrontare: «L'assenza e il vuoto sono pieni di segni e di tracce, che ... L'Italia dei paesi tra abbandoni e ritorni (Donzelli 2017) dell'antropologo Vito Teti: che è il denso, coltissimo e appassionato manifesto di un altro modo di intendere il rapporto tra passato e presente, tra centro e periferie, tra comunità locali e Stato, tra Mezzogiorno e nazione italiana. Partire dalla fine, è il punto di avvio del libro fortemente empatico di Vito Teti, Quel che resta. L'Italia dei paesi fra abbandoni e ritorni, con l'introduzione di Claudio Magris, editore Donzelli. E Quel che resta (Donzelli, pag. 308, 30 €) è anche il titolo di un denso libro con una introduzione di Claudio Magris - un altro che si è occupato di piccoli luoghi - in cui Teti ritesse il filo dei suoi suoi temi cercando di creare un'antropologia dell'abbandono e del ritorno, con un libro che mischia scienza e poesia, svicolando dal rischio retorico della nostalgia piagnona del ......